Vendicari e la sua splendida oasi naturalistica

Ti piace questo articolo?

La Riserva Naturale Orientata di Vendicari è una delle zone umide principali d’Europa, in quanto viene utilizzata nei periodi di migrazione da migliaia di uccelli in viaggio dall’Europa all’Africa e viceversa. Si estende per circa 1.500 ettari a ridosso della costa, per una lunghezza di circa 8 km ed appena 1,5 km di larghezza. I comuni tra cui si estende questa interessantissima area protetta sono quelli di Noto e Pachino, entrambi in provincia di Siracusa.

oasi-vendicariFoto FedericoLukkini

Il cuore della riserva è costituito dai pantani, piccole pozze d’acqua formate da acqua piovana e da acqua salmastra marina che in autunno ed in primavera offrono un habitat ideale per la sosta di più di 200 specie in migrazione. Ma la zona di Vendicari non è solo molto conosciuta dagli appassionati di birdwatching, infatti la costa offre delle splendide spiagge dove crogiolarsi tranquillamente al sole, le acque sono limpide e pullulano di varie specie facilmente avvistabili, e tra la macchia mediterranea si possono compiere magnifiche escursioni immergendosi nella vegetazione tipica della gariga e andando della scoperta di siti archeologici.

Ambiente ed istituzione della riserva

Come già accennato il cuore della riserva è rappresentato dai pantani: Pantano Piccolo, Pantano Grande, Pantano Roveto, Pantano Scirbia e Pantano Sichilli sono i nomi delle pozze principali. Già nel 1971 questa zona fu dichiarata “zona umida di importanza internazionale” secondo la Convenzione di Ramsar, ma la riserva fu ufficialmente istituita solo nel 1984 e resa fruibile ai visitatori nel 1989. Da allora numerosissimi turisti, ma anche studiosi di ornitologia, si recano qui per godere della suggestiva natura, dello spettacolo di migliaia di uccelli riuniti prima di partire per un viaggio di vari giorni. I pantani sono circondati dalla tipica vegetazione mediterranea a gariga, ma ci sono anche delle splendide orchidee, alcune molto rare. Da quattro punti differenti della riserva è possibile percorrere alcuni sentieri che condurranno tra scogliere, pantani e boschi di ginepro, col sottofondo dei chiassosi uccelli che in autunno ed in primavera dominano la riserva.

Specie da avvistare

Tutto intorno ai pantani sono stati costruiti degli osservatori da dove si possono fare degli incontri spettacolari e scattare delle magnifiche foto. Se si è fortunati e si ha un po’ di pazienza si potranno vedere fenicotteri rosa, aironi cenerini, spatole, garzette, cicogne e piccoli trampolieri come piovanelli, fratini, gambecchi, pettegole e tanti altri. Per avvistare i grandi e piccoli trampolieri il periodo migliore è fine agosto, quando queste specie sono di ritorno dalle aree di nidificazione del nord Europa. Da novembre a marzo il livello dell’acqua aumenta e gli stagni divengono pieni di folaghe ed anatre come i fischioni, le alzavole, i moriglioni, le volpoche ed i germani reali. D’inverno la Riserva Naturale Orientata di Vendicari diviene un luogo allettante anche per gabbiani e cormorani che qui trovano cibo e protezione. In primavera si possono nuovamente avvistare tantissime specie in migrazione provenienti dall’Africa e diretti nelle aree riproduttive dell’Europa. Tra queste una delle specie che cattura maggiormente l’attenzione degli appassionati di birdwatching è il cavaliere d’Italia.

Archeologia e cultura

Se si è appassionati di storia e di archeologia nei pressi di Vendicari si può visitare l’antica tonnara di Eloro che funzionò per millenni. Addirittura fu costruita in periodo ellenistico ed i resti sono ancora facilmente visibili sul territorio.
Sempre all’interno della riserva si può ammirare l’antica torre quattrocentesca che serviva per scrutare il mare ed avvistare potenziali nemici, mentre lungo la costa ci sono diverse catacombe. Vivamente consigliata è una visita anche alla città di Noto
Noto è considerata da molti la culla del barocco, in quanto la cittadina ha mantenuto splendidi esempi di tale stile architettonico ed artistico, regalando ad ogni angolo, palazzi, chiese, capitelli e fregi di squisito gusto barocco. Lo straordinario mantenimento di questo stile è stato possibile per l’impianto della città avvenuto in maniera omogenea ed in un ristretto lasso di tempo, ovvero dopo il sisma che danneggiò gravemente la città facendola rinascere da nuovo, con un unico stile architettonico.
Noto è una delle città più belle ed interessanti dal punto di vista artistico di tutta la Sicilia ed ogni anno migliaia di turisti la visitano per scoprire questa perla di arte e cultura. Si trova a 31 km di distanza da Siracusa e si affaccia nello splendido Golfo di Noto, tratto di costa con graziose insenature ed acque limpide. Sorge su di un piccolo promontorio a 165 m.s.l.m., godendo di un clima mite tutto l’anno.

Come arrivare a Vendicari

Vendicari e la sua splendida riserva sono raggiungibili facilmente da Noto, distante appena 8 km. Le indicazioni sono chiare e ben visibili ed una volta giunti alla riserva vi è un parcheggio custodito a pagamento, funzionante solo nella stagione estiva.
Se si viaggia in treno sarà utile sapere che la stazione ferroviaria più vicina si trova a Noto, mentre per chi raggiunge la Sicilia in aereo, l’aeroporto più vicino è quello di Catania, comodo e non eccessivamente distante dalla riserva. Da Catania si prosegue in direzione Siracusa fino a Cassibile e da qui si prosegue lungo la SS 115 raggiungendo Noto, che tra l’altro merita una visita in quanto è ricca di cultura e storia.

You may also like...